Consigli utili per affrontare emergenza economica dovuta al Covid-19

pubblicato in: News | 0

Consigli utili per affrontare emergenza economica dovuta al

Covid-19

 

Cari associati Federalberghi Pisa di seguito alcuni consigli e pratiche da mettere in atto, al fine di limitare i danni economici subito delle nostre aziende.

 

  1. Contattare i Direttori delle banche con cui lavorate per chiedere la sospensione di mutui/prestiti assicurandovi che ciò non vada a influire sul vostro rating Bancario (In attesa che ABI emetta il decreto), chiedere contestualmente la possibilità di accedere a finanziamenti, eventualmente “vincolati” anche al solo pagamento degli stipendi, in maniera snella e senza troppi costi di istruttoria, con rimborso a medio lungo termine ma soprattutto a tassi agevolati vista la situazione;

  2. Contattare Fornitori di Luce, Acqua e Gas chiedendo l’immediata sospensione e/o rateizzazione a lungo termine delle bollette a partire dai consumi di febbraio 2020, con pagamento da marzo 2020, fino a quando la situazione non si sarà ripresa; (Per coloro che hanno come fornitore UNOGAS, questa richiesta è stata già avanzata dall’ Associazione e siamo in attesa di risposta)
  3. Contattare Booking.com/Expedia attraverso le extranet, chiedendo il posticipo e, se possibile, la rateizzazione della fattura di febbraio con scadenza 16 marzo 2020, per quelle future non lo riteniamo necessario in quanto mancheranno direttamente le prenotazioni e gli importi saranno irrisori;
  4. Laddove lo riteniate necessario, contattate i Sindacati di riferimento (CGL CISL UILTUCS) al fine di fissare un incontro preventivo per attivare ammortizzatori sociali per salvaguardare i posti di lavoro; (L’associazione nel frattempo cercherà un incontro per gestire in maniera collettiva l’emergenza). Vi ricordiamo che in questo particolare momento, si possono operare riduzioni dell’orario di lavoro e licenziamenti dovuti al calo di lavoro (Ovviamente questa deve essere una sorta di “Ultima ratio”;
  5. Contattare i Vostri consulenti del lavoro al fine di valutare l’attivazione della cassa integrazione in deroga; Vi ricordiamo che i lavoratori interessati dall’eventuale provvedimento, dovranno essere in pari con ferie e permessi; in alternativa rientreranno nella trattativa con i Sindacati;
  6. L’interruzione di eventuali contratti Intermittenti “A Chiamata”, dà la possibilità ai lavoratori che hanno lavorato negli ultimi 6 mesi di chiedere la disoccupazione che verrà calcolata al 50% della media dello stipendio percepito nel periodo di riferimento;
  1. Suggeriamo di stampare diverse copie della locandina inviata giorni fa dalla segreteria e metterla sia alla reception che nelle camere, è bene avvisare la clientela del fatto che NON SIAMO IN ZONA ROSSA, quindi si può soggiornare senza rischi; è bene però informare TUTTI delle norme da rispettare per contrastare la diffusione del virus;
  2. Cercate di Ottimizzare quanto più possibile i consumi delle utenze;
  3. Potreste valutare di SOSPENDERE momentaneamente il servizio a buffet della prima colazione e, informando il cliente che ciò viene fatto per garantire la freschezza e la qualità del prodotto, nonché evitare inutili sprechi di cibo, fare una sorta di servizio “à la carte” almeno per questo periodo;

10.  A livello tariffario, valutate l’opportunità di eliminare temporaneamente le tariffe “Non Rimborsabili”; dobbiamo incentivare le persone a             prenotare ed in questo momento qualsiasi restrizione non sarà di aiuto. Ricordatevi che la nostra unica salvezza, al momento, è puntare sul    mercato INTERNO e come ben sappiamo sono sempre stati un po’ restii nel prenotare le prepagate;

11.  Controllate quotidianamente il pick up delle prenotazioni e variate le tariffe di conseguenza, soprattutto nel breve periodo (Marzo/Aprile);    aspettate a buttare giù le tariffe da maggio in avanti, la situazione potrebbe riprendersi, quindi cercate di salvaguardare il fatturato;

12.  Incentivate le prenotazioni dirette, magari offrendo Voi la tassa di soggiorno (sappiamo che è dura da digerire, ma dal cliente un atto del genere sarà sicuramente gradito; noi nel frattempo ci muoveremo a livello locale per farla togliere almeno fino alla fine del 2020)