L’albergo batte l’agenzia di viaggi

pubblicato in: Archivio News, News | 0

 

 

Cari colleghi, la sentenza emessa (disponibile per gli addetti nell’area riservata del sito federalberghipisa.it), in favore di un albergatore della Versilia, dal Tribunale di Rimini contro una nota Agenzia di Viaggi che lavora per una importante Agenzia tedesca rappresenta un grande successo a favore delle strutture alberghiere;

la sentenza confermando il seguente principio giurisprudenziale (orientamento confermato anche dalla Cassazione n. 17150/2002), per cui  in tema di violazione dei termini contrattuali di Allotment con opzione di relase, detto Allotment anche senza garanzia,  ha stabilito che l’ammontare del risarcimento dei danni subiti dall’albergatore,  per non aver potuto ricollocare le camere opzionate e cancellate, sarà determinato con il costo delle camere che non si siano effettivamente riutilizzate per il periodo prenotato.

Crediamo che, questa importante vittoria e precedente giurisprudenziale, possa dare più forza contrattuale agli albergatori che spesso subiscono dalle grandi aziende di settore delle imposizioni dovute da una disequilibrio contrattuale.

Questa disparità potrebbe tuttavia essere colmata prevedendo delle migliori clausole contrattuali durante la fase delle trattative.

Lo Studio Legale della Federalberghi Pisa e Provincia – Avv.ti Giorgio Benedetti e Sabina Bargagna condivide con noi l’importante principio giurisprudenziale elaborato nella sentenza sopra richiama del Tribunale di Rimini n. 762/2019 del 10.10.2019: Il contratto di Allotment senza garanzia con opzione di release si delinea quando tra l’hotel e l’agenzia viaggi viene concordata una data entro la quale quest’ultima deve comunicare se confermare o meno l’opzione;

il vantaggio per l’agenzia è quello di poter rinunciare alle camere opzionate senza il pagamento di penali, la struttura alberghiera invece durante il periodo dell’accordo si impegna a non vendere le camere a nessun altro.

Tale forma si differenzia dal contratto di Allotment vero e proprio (definito anche vuoto per pieno) in quanto in tale ipotesi l’agenzia di impegna espressamente al pagamento di tutte le camere opzionate indipendentemente dall’effettiva conferma ed impiego.

Ha diritto, quindi, l’labergatore al risarcimento del danno  subito quando non abbia effettivamente  riutilizzato le camere per il periodo prenotato.

 

Piccoli passi a favore dell’albergatore…….